GOW Primavera 2018Sulle tracce della banda Dalton. Legami familiari che hanno infranto la legge 1/2

Aggiornamento: 20 nov 2020

Di Dennis Adler


Una grandine di piombo superò la testa di Emmett Dalton mentre il suo cavallo girava come un cane che si insegue la coda: una pallottola di fucile trovò lo marchiò rimbalzando sul suo fianco destro, un’altra colpì l’inguine; fu colpito anche al braccio destro, e alcuni istanti dopo un colpo di fucile lo fece balzare giù dalla sella. Cadde a terra a pochi piedi di distanza da dove suo fratello Bob era stato colpito e lasciato morire. Fino a quel momento Emmett era stato l’unico della banda a non essere stato colpito e sarebbe riuscito a uscire dalla città se non avesse provato a tornare indietro per salvare Bob.

Sebbene Bob Dalton (estrema destra) fosse molto più giovane di Grat (in alto) era diventato il capo della banda nel 1891. Il fratello più giovane, Emmett (a sinistra) era il ragazzino che gli andava dietro, seguendo la guida del fratello maggiore Bob. Fu una decisione di Bob quella di comprare nuove armi per la banda prima del raid di Coffeyville. Passare al modello Colt inciso da 5-1/2 pollici che Dalton aveva procurato (vedi inserto) consisteva nel sostituire un trio di nuovi Traditions modello “Bill Tilgham” imbrunito e inciso. Vi è una sottile ironia in questo dal momento che l’inseguimento dei Dalton e della banda Doolin da parte di Tilgham e i compagni Heck Thomas, vice Sceriffo, e Chris Madsen avevano portato Bob a quella alta scommessa quale la doppia rapina in banca a Coffeyville. (Foto del Colt Peacemake di Coffeyville di Bob Dalton per gentile cortesia di Rock Island Auction Co.)


Suo fratello maggiore Grat era già stato colpito a morte a un paio di yard di distanza insieme all’altro membro della banda Dalton, Bill Power, in quello che sarebbe stata conosciuto come “Death Alley”. Nel momento in cui Emmett guardava la vita scorrere via dagli occhi del fratello, alcuni uomini con fucili e carabine li circondarono, e in quel momento si sarebbe aspettato di morire anche lui. Sorprendentemente, sebbene avesse riportato 23 ferite, Emmett Dalton non morì. Sarebbe stato l’unico dei cinque membri della banda Dalton a sopravvivere alla più sfortunata rapina in banca nella storia del West.


Erano bastati 15 minuti a Coffeyville (Kansas) per mettere fine alla carriera di una delle più famose bande di fuorilegge del West americano dei primi anni ’90 dell’800.


Prima di Coffeyville

Alcuni direbbero che i ragazzi Dalton fossero predisposti a una vita criminale essendo cresciuti all’ombra di Frank e Jesse James e i fratelli Bob, Cole e Jim Younger. In realtà, erano vicini alla famigerata banda di fuorilegge più di qualunque altro. Erano imparentati: la loro madre, Adeline Younger era la zia di Cole, Bob e Jim Younger e una cugina di Frank e Jesse.


Ma sebbene fossero parenti dei più famigerati fuorilegge dell’epoca, vivere al di fuori della legge non fu per forza realtà negli anni ’80 dell’800 per la famiglia Dalton, inclusi Bob, Grat ed Emmett e il fratello maggiore Frank, che era un rispettato vice Sceriffo. In quanto giovani uomini cresciuti in Missouri, Oklahoma e Kansas, i ragazzi non si erano quasi mai trovati in guai seri.Originaria del Missouri, la famiglia Dalton si era spostata negli anni, vivendo a Kansas City (Kansas) e poi nel nord-est dell’Oklahoma nel 1882. Nel 1886 si spostarono a Coffeyville nel sud-est del Kansas. A quel tempo Grat aveva 25 anni, Bob 17 ed Emmett 15. Frank era di 2 anni più grande di Grat e lavorava per la corte del giudice Isaac Parker a Ft. Smith (Arkansas).


Sfortunatamente, meno di un anno dopo la famiglia si spostò a Coffeyville, Frank sarebbe stato ucciso, un evento che avrebbe dato inizio a un cambiamento radicale per i tre fratelli Dalton più giovani. Frank era sulle tracce di una banda di fuorilegge quando subì un’imboscata e fu ucciso in una sparatoria il 27 novembre 1887.


Gratton “Grat” Dalton era il maggiore dei tre fratelli Dalton e aveva vissuto una vita piuttosto tranquilla fino a che suo fratello maggiore Frank, un vice Sceriffo, fu ucciso mentre era in servizio nel novembre 1887. Grat seguì le orme di Frank diventando un vice Sceriffo, inizialmente lavorando per la corte del giudice Isaac Parker a Ft. Smith (Arkansas) proprio come suo fratello Frank. Per il 1890 sarebbe passato dall’inseguire uomini ricercati a diventare uno dei quegli uomini.

Questo spinse Grat a prendere il posto del fratello come vice Sceriffo a Ft. Smith. Bob seguì l’esempio nel giro di un anno, prendendo il distintivo di vice Sceriffo nel 1888 e lavorando per la corte federale di Wichita (Kansas). Parte dei suoi doveri comprendeva inseguire fuorilegge, trafficanti d'armi e contrabbandieri nel territorio indiano della nazione Osage.


Perfino il loro fratello minore, Emmett, all’epoca un cowboy, era occasionalmente deputato a cavalcare nei possedimenti di Grat o Bob, così anche lui aveva indossato un distintivo prima che i ragazzi Dalton si dedicassero a una vita criminale nel 1890. Come si siano allontanati dall'applicazione della legge per diventare fuorilegge inizia e finisce con Bob Dalton.


Emmett aveva solo 21 anni quando suo fratello Bob guidò a la banda a Coffeyville. Era stato un cowboy, alto, di bell’aspetto e appariscente. La sua fondina borchiata e con lavorazioni floreali era indicativa di un giovane fuorilegge esibizionista. La cintura portapistola era foderata e aveva all’estremità le iniziali di Emmett Dalton in borchie in nichel. Vi è una foto in bianco e nero che può essere trovata a pagina 151 di Guns and the Gunfighters, dagli editori di Guns & Ammo (1982) che documentava che l’originale di questa fondina fosse nel Museum of the Great Plains.

Bob aveva una vena selvaggia e indossare il distintivo di vice Sceriffo federale a 19 anni lo aveva reso ancora più audace. Poco dopo essere diventato Sceriffo uccise il suo primo uomo. Bob affermerò che fosse nei limiti dei suoi compiti, altri la pensarono in modo diverso, ma Dalton rimase un vice Sceriffo fino al marzo 1890, quando fu arrestato per aver venduto whisky a membri della nazione Osage il 25 dicembre precedente.


Gli costò il distintivo, ma fu rilasciato su cauzione in attesa di un processo a settembre. All’incirca nello stesso periodo, Grat fu accusato di presunto furto di cavalli. Le accuse si rivelarono infondate e sommarie, ma poco dopo che gli fu tolto il suo incarico: le carriere di Bob e Grat come rappresentanti della legge erano finite, e le loro carriere come fuorilegge appena iniziate.